Il filo di Arianna

Marcel Dupertuis

Opere 1951–2021  

MVELA-dupertuis

La mostra monografica incentrata sull’artista Marcel Dupertuis arricchisce il ciclo di mostre che il Museo Vincenzo Vela dedica a intervalli regolari ad esponenti dell’arte contemporanea attivi nel Canton Ticino, con particolare attenzione alla produzione scultorea, più raramente presentata nelle istituzioni pubbliche. Curata da Gianna A. Mina in collaborazione con lo storico dell’arte Matthias Frehner, e accompagnata da un catalogo riccamente illustrato, la mostra propone per la prima volta al pubblico uno sguardo d’insieme sull’opera di Dupertuis.

Nato a Vevey ma ticinese d’adozione, Marcel Dupertuis è una figura appartata, poco nota al grande pubblico ma di indubbio e riconosciuto talento. Sin dai suoi esordi l’artista persegue con sensibilità e coerenza una ricerca a tutto tondo che abbraccia scultura, pittura, disegno e grafica, fotografia e letteratura: discipline declinate in tecniche e stili diversi, in una continua sperimentazione imperniata su contrasti. Un’opera d’arte totale cui il Museo Vincenzo Vela dà ampio spazio, privilegiando la produzione plastica ma approfondendo attraverso puntuali rimandi anche la produzione pittorica, grafica e fotografica. Le opere presentate compongono un unico universale mosaico, in cui si esplica la poetica complessa dell’artista, in una tensione nella quale la ricerca formale non è mai disgiunta da una riflessione sui contenuti profondi dell’arte e dagli interrogativi cui un artista contemporaneo è chiamato a confrontarsi.

La mostra si sviluppa con criterio tematico e cronologico nelle sale al primo piano e in alcuni ambienti al piano terreno di Villa Vela, così come nell’adiacente parco, delineando il complesso percorso della produzione di Dupertuis, dalle sue prime prove giovanili fino agli esiti più recenti: dalle realizzazioni monumentali di carattere costruttivista a forme più semplificate ed essenziali, talvolta di tenore organico, attraverso un processo di progressivo svuotamento e di «scarnificazione» dei soggetti, in cui risaltano le superfici lavorate, contorte e quasi erose, in un costante dialogo tra pieno e vuoto. Stimolante risulta anche il confronto tra la produzione scultorea di Vincenzo Vela (1820-1891) e di Marcel Dupertuis: due artisti che con coerenza e originalità hanno saputo coniugare il loro agire e sentire con i quesiti esistenziali su cui da sempre si interroga l’umanità.

 

 

Contatto

Museo Vincenzo Vela
Casella Postale 8
Largo Vincenzo Vela
6853 Ligornetto
Telefono +41 58 481 30 44
Fax +41 58 481 30 43
E-mail

Informazioni
Telefono +41 58 481 30 44/40

Segreteria
Telefono +41 58 481 30 40
Fax +41 58 481 30 43
E-mail

Stampare contatto

https://www.museo-vela.admin.ch/content/vela/it/home/ausstellungen/tutte-le-mostre/il-filo-di-arianna-marcel-dupertuis.html