Ricordare Selmoni

Il catalogo della mostra dedicata allo scultore ticinese Pierino Selmoni in promozione speciale.

Pierino Selmoni
© Museo Vincenzo Vela - foto Mauro Zeni

Quasi dieci anni fa, nell’autunno 2012 il Museo allestì una mostra monografica sullo scultore ticinese Pierino Selmoni. Si trattò dell’ultima grande esposizione a lui dedicata, prima della sua scomparsa nel 2017.
Per l’occasione, era stato pubblicato un volume monografico che è molto di più di un catalogo. Tra i saggi presenti nel libro, Simona Martinoli ripercorre i rapporti tra Selmoni e gli architetti con cui collaborò, come Aurelio Galfetti, Mario Botta e  Tita Carloni, per opere in chiese, piazze, parchi, edifici pubblici e privati, in Svizzera e all’estero.
La critica dell’arte Maria Will e Matthias Frehner, direttore del Kunstmuseum di Berna, analizzano invece il percorso creativo di Selmoni, a partire dall’apprendistato alla bottega di Dante Rossi fino alle collaborazioni con altri scultori come Jean Arp, Max Bill e  Paul Speck (per la chiesa di S. Nicolao a Birsfelden, nel 1959).
Completa il volume una lunga intervista a cura di Gaia Regazzoni Jäggli, accompagnata dalle immagini di Mauro Zeni, in un’interpretazione fotografica dedicata al dialogo tra opere e artista. Il volume, curato da Gianna A. Mina, beneficia della progettazione grafico-artistica del fotografo Mario Cresci.
Fino al 2 marzo, il libro «Pierino Selmoni. Oltre l’ingegno, la materia» può essere acquistato a metà prezzo allo shop online.

https://www.museo-vela.admin.ch/content/vela/it/home/info/news/news-2021/ricordare-selmoni.html